Milano non ha memoria

Il commissario Lorenzi indaga a Lambrate

Ho vissuto più di vent’anni nel quartiere di Lambrate a Milano. Un quartiere popolare e operaio con una grande storia di Resistenza durante l’occupazione nazi-fascista e una importante tradizione di lotta operaia e studentesca dal 68/69’ al 77/78’ quando furono assassinati i giovani Fauto e Iaio vicino al centro sociale Leoncavallo.

Ricordo con affetto e nostalgia quelle strade, i giochi da bambini, il boom economico, la presenza massiccia dell’immigrazione dal meridione, il Parco Lambro e il suo Festival. Un popoloso dedalo di vie piene di umanità e di voglia di cambiare il mondo ed ecco che con questo romanzo ho deciso di raccontare che a Lambrate, forse, quella speranza in un mondo migliore non è mai scomparsa.

Gino Marchitelli

Nell’oscurità sonnolenta di un noto quartiere popolare milanese uno strano delitto svelerà inquietanti intrecci e collusioni politico-giudiziarie inimmaginabili…

Una notte umida e piovosa. Il cadavere di un uomo abbandonato sul selciato. Nelle vicinanze del commissariato di Lambrate si consuma l’ennesimo assassinio metropolitano di un extracomunitario.

Una fitta serie di depistaggi, intrighi e omissis viene messa in atto per deviare le indagini del commissario Lorenzi da una verità sconvolgente.

Chi sono Gladio, Alfa e Vittoria?

Che ruolo svolge il club privato Audace sul Naviglio Grande?

Che segreto nasconde il camper abbandonato a pochi passi dalla sede del commissariato?

 

Milano non ha memoria

Quali particolari conosce Tina, la vecchia staffetta partigiana, che vive una terribile tragedia personale?

Mentre Layla, la giovane moglie del migrante ucciso, combatte per difendere l’onore della sua famiglia, Cristina Petruzzi, giornalista di Radio Popolare, e la free-lance Marta Jovine conducono un'inchiesta parallela. Sarà però il commissario Lorenzi, tormentato dalla storia d’amore con la reporter della famosa emittente, in un finale tragico e ricco di colpi di scena, a svelarci come nel nostro paese libertà e democrazia siano a rischio oggi più che mai.

3 Motivi per leggere questo libro

  • Un giallo sconvolgente nel quartiere di Milano Lambrate

  • Una città che ha dimenticato la propria storia

  • La verità scomoda delle forze dell’ordine

Acquista il Libro dall'Autore
Acquista il Libro su Amazon

L'autore

Gino Marchitelli

Gino MarchitelliLuigi Pietro Romano Marchitelli detto “Gino” ha lavorato per molti anni sulle piattaforme petrolifere della Saipem, per la ricerca del petrolio in mare, come tecnico elettronico.

Militante nella CGIL e in Democrazia Proletaria ha partecipato alle dure lotte dei lavoratori delle piattaforme petrolifere in mare.

Da sempre impegnato nel sociale è una persona attiva e motivata nel campo della promozione culturale-letteraria nel Paese con un’attenzione particolare alle fasce popolari colpite dalla crisi e dal degrado sociale ed economico che stiamo attraversando.
Cantautore finalista al concorso Camaleonte 2013 – Salone del Libro di Torino con un brano dedicato agli operai caduti alla Thyssen Krupp.

Autore del noir d’esordio “Morte nel Trullo”, giugno 2012, di “Qvimera”, 25 aprile 2013 e, nel Dicembre 2013, del noir “Il Pittore” che ha vinto il diploma d’onore all’opera inedita 2013 Premio Internazionale IL MOLINELLO e menzione speciale alla PROVINCIA in GIALLO 2014.

Nel Giugno 2014 ha pubblicato il DVD ‘Siamo i ribelli della montagna’, video intervista ai partigiani protagonisti della liberazione della Val D’Ossola nel 1944.

Luglio 2014, il libro di testimonianze sulle stragi di Stato “Una storia di tutti” in memoria delle vittime delle stragi.

Nel 2014 entra a far parte degli scrittori della nota casa editrice di gialli Fratelli Frilli Editori di Genova con la quale viene pubblicato “Milano non ha memoria” nell’ottobre del 2014, romanzo che vince il diploma d’onore al concorso Unica Milano come opera che ricorda le narrazioni di Scerbanenko.

Nel 2015 viene pubblicato, attraverso un progetto di crowdfunding che vede l’adesione di centinaia di lettori, il romanzo “Il barbiere zoppo – 1969 Una ragazza e la scoperta della Resistenza” che viene ripubblicato nell’Ottobre del 2015 dalla Infinito Edizioni con la prefazione di Lidia Menapace e che vince il diploma d’onore come una delle migliori opere edite italiane del 2015 al concorso internazionale IL MOLINELLO.

Nel Novembre del 2015 esce la seconda opera per conto della Fratelli Frilli “Sangue nel Redefossi”.

In Agosto 2016 il romanzo “Il Pittore“, tradotto in lingua Inglese, è uscito in formato e-book in tutto il mondo sulle piattaforme Amazon.

"Milano non ha memoria" è un romanzo emozionante, avvincente, anche crudele in certi suoi aspetti, sullo sfondo di una Milano metropoli assopita, sfuggente, ma a tratti ancora solidale.

Nello stile particolare di uno scrittore che continua a stupire e a sorprendere non solo per gli argomenti trattati ma anche per la sua scrittura chiara, coinvolgente, emozionante. Da non perdere.

Paolo Vinciguerra
Paolo Vinciguerra Autore blogger, Critico, Presentatore e organizzatore di eventi letterari del genere noir
Acquista il Libro dall'Autore
Acquista il Libro su Amazon